Ticket to Paradise: romanticheria

Il ritorno delle commedie romantiche – che d’accordo non erano mai andate via ma un po’ perse sì. Perché Ticket to paradise si inserisce nel solco delle migliori commedie del genere angloromanticomatrimoniefunerali e forse pure di più: di quelle che «mai volgari», che poi passano in tv con cadenza settimanale e rivedi pure volentieri ,che ridi e non ti senti neppure tanto in colpa. Il ritorno della coppia Roberts-Clooney in un musical senza musica – il regista Ol Parker è quello del seguito di Mamma Mia! e se non si sente almeno si vede – e in una storia di cui conosci il finale molto prima delle conclusioni dello svolgimento e dell’introduzione, per dirla come il ragazzino immaturo quasi maturo che immagino abbia scritto la sceneggiatura. Meravigliosamente frivolo, il film è l’attestato di divismo dei protagonisti e le immagini da cartolina di Bali che poi è il Queensland australiano. Poi come al solito i vecchi belli oscurano i giovani belli e della ragazzina in viaggio post laurea innamorata del raccoglitore di alghe ti interessa sempre poco e della sorte del loro matrimonio anche meno. Se – a torto o a ragione, e su questi schermi si pensa a ragione – il nuovo Top Gun è considerato il blockbuster dell’anno (solo?), che sia apprezzata questa commedia del retrogusto finto shabby chic sembrerebbe la normalità.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: