Perché non è solo un altro Diabolik

É il cinema dei Manetti, bellezze.

Manca di coraggio, può essere; manca di visione, direi di no; manca di coerenza, falso. La coerenza di una vita, di una carriera tra cinema e televisione e videoclip e produzioni varie, i fratelli l’hanno consacrata sull’altare dello stile (il loro) e scolpita nella cellulosa, si fa per dire, delle pellicole (le loro). Fedele alle strisce delle sorelle Giussani, il Diabolik che ne esce fuori è in pieno stile Mainetti e basterebbe (ri)conoscere le mani che hanno ridefinito i contorni del cinema italiano di genere parecchio prima del Jeegrobotdimainetti per rendersene conto nonostante qui l’eleganza stilizzata dei personaggi e le luci di una Clerville brutalista abbiano rubato la scena alle atmosfere vivaci delle precedenti esperienze manettiane. Nota di merito per la direzione degli attori, credibile e sofisticata mano (mani, quattro) alle prese con protagonisti perfetti per le parti: Miriam Leone c’è nata, Marinelli pure, d’accordo, ma tant’è.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.