Perché Pietro Castellitto è l’uomo del momento

Perché i suoi predatori – oltre ad essere il miglior esordio italiano dell’anno – sono una bomba. In tutti i sensi. Perché nel suo primo lavoro dietro la macchina da presa guida gli attori – sia i bravi come Gerardi sia i bravissimi come Popolizio – con l’esperienza e il carisma del veterano oltrepassando le maschere e le macchiette. Perché è raro vedere un giovane italiano lavorare in quel modo con il suono e gli effetti sonori o quantomeno capirne l’importanza e addirittura la differenza. Pietro Castellitto gioca con la scrittura della sceneggiatura, già premiata a Venezia, alzando e abbassando il livello senza ruffianerie da figlio d’arte rendendo l’esordio una perla rara per il cinema nostrano: chi arriva dalla scuola di Ronconi non ha problemi a rendere credibile un personaggio scritto con un’attenzione non comune da queste parti. Lontano dal surrealismo spicciolo del primo Pif, Castellitto riesce anche nella prova d’attore finalmente lontano dagli occhi dei genitori. Da verificare prossimamente nel nuovo Freaks Out di Gabriele Mainetti. Che sia il più talentoso della famiglia non c’è dubbio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.